Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

giovedì 29 agosto 2013

Pamukkale

C'è una parte della Turchia che io amo molto....


Pamukkale, un posto da fiaba, in turco significa "castello di cotone", è un sito naturale di sorgenti calde di carbonato di calcio che precipitando da luogo alle sue "terrazze".
Sulla sommità venne costruita l'antica città di Hierapolis , le cui rovine purtroppo , a causa dello sfruttamento turistico (vennero costruiti alberghi con piccole piscine private...che ho provato anch'io) sono quasi del tutto scomparse, inoltre gli scarichi hanno contribuito ad oscurare le acque e le pareti.
Diventata patrimonio dell'Umanità dell'Unesco si sta cercando di recuperarla svuotando le vasche e lasciandole sbiancare sotto il sole, facendo camminare i turisti a piedi nudi e coprendo i vari percorsi che erano stati fatti.
Esistono solo un paio di luoghi così al Mondo ed è un'esperienza davvero straordinaria poter ammirare questa opera d'arte della natura.






Il sole abbacinante
dardeggia
le pareti bianche
dove rivoli d'acqua
scorrono 
dal tempo dei tempi.
  Goccia a goccia,
stilando dalle fessure
  ha costruito
un castello per le fate,
  con guglie e merli,
con terrazze
  e piccoli passaggi
dove i raggi del sole
  a sera
colorano di rosso
  e arancione,
di giallo e di sfumature
  sempre più scure,
mentre la notte avanza
  e nel buio
la luna
  si perde
in quella foresta 
  lattiginosa.

by Adriana

martedì 27 agosto 2013

Tempo di riflessioni??








                                                                Dalla finestra
                                           montagne lontane
                                         un tramonto
by Adriana


Riflessioni : è un po' di tempo che non riesco a scrivere qualcosa d 'interessante, eppure nella mente vagano tanti pensieri a cui non riesco a stare dietro.
Saranno le vacanze, questa monotonia e apatia che si crea nello svuotarsi delle città (peraltro piuttosto piene), nell'allungarsi del tempo (si dorme di più o di meno?), nel "dolce far niente"?
Non so...stanno arrivando i temporali a chiudere l'estate, portando un lieve velo di tristezza, serate fresche lasciano respirare anche l'anima.
Pensieri... perchè mai i pensieri devono essere più spesso tristi? E' vero che attorno il morale non è al massimo, la crisi , le previsioni di un autunno difficile e i problemi che si accumulano.
Eccola che arriva la nube grigia, arriva da lontano, si avvicina in modo subdolo e poi stagna proprio qui, proprio qui nel cuore!

giovedì 15 agosto 2013

Buon Ferragosto




Nel mese di agosto venivano raccolti i cereali e quindi nell’antica Roma si festeggiava la fine dei principali lavori agricoli.
Ovvio che tale data nell’agricola Italia fosse motivo di grandi festeggiamenti e gli stessi animali da tiro (cavalli, asini e muli) si godevano la giornata di riposo, bardati con fiori.
Nel 18 a.c., con l’inizio dell’età imperiale, i Consualia divennero Augustali, in onore dell’imperatore Ottaviano Augusto.
Fortemente radicata nella tradizione pagana, la festività del Ferragosto fu poi riciclata dalla Chiesa, che, come per altre feste pagane, provò prima a sopprimerle per poi ammantarle di cristianità.





mercoledì 7 agosto 2013

Le Perseidi ovvero la notte di San Lorenzo

Il nome deriva dal loro radiante, ovvero dal punto da cui sembrano provenire queste meteore,  situato nella costellazione del Perseo.
A dispetto del nome “stelle cadenti” in realtà si tratta di polveri e piccoli detriti che “cadendo” ad altissime velocità  contro la nostra atmosfera la ionizzano e quindi la illuminano ad un altezza compresa tra gli 85 ed i 120 km provocando il suggestivo effetto che noi osserviamo. Le Perseidi sono meteore molti veloci, impattano nell’atmosfera a circa 60km/s (216.000 km/h!), possono lasciare scie abbastanza persistenti che resistono per una manciata di secondi.




MARGHERITA HACK – Dal 29 Giugno il firmamento ha aggiunto alle miriadi di punti luminosi una delle sue stelle più belle:Margherita Hack. In ricordo della divulgatrice che ha speso la sua vita ad osservare le stelle e a spiegarci, con semplicità e passione, le leggi che governano il cosmo, vogliamo per un attimo metter da parte la realtà e far finta che lei sia ancora qui a descriverci il fenomeno, come ha sempre fatto nel corso della sua carriera. “Sono frammenti di piccoli sassi della nebulosa proto planetaria da cui si è formato il sistema solare, e residui delle code delle comete. L’orbita della Terra taglia questa scia e incontra questi residui che al contatto creano la scia luminosa che noi chiamiamo stelle cadenti”, spiega l’astrofisica. Chissà quante ne osserverà da lassù.
Margherita_Hack

Non si può non ricordare la famosa poesia...

X Agosto
di G.Pascoli
San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l’aria tranquilla
arde e cade, perché si gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.
Ritornava una rondine al tetto:
l’uccisero: cadde tra i spini;
ella aveva nel becco un insetto:
la cena dei suoi rondinini.
Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell’ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.
Anche un uomo tornava al suo nido:
l’uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono.
Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.
E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
oh! d’un pianto di stelle lo inondi
quest’atomo opaco del Male!
Una delle leggende più comuni è quella che si riferisce a S. Lorenzo. La tradizione vuole che le lacrime di Lorenzo arso vivo (ma forse decapitato) vagano nel cielo senza pace fino a quando non cadono sulla Terra la notte in cui il Santo è festeggiato e cioè il 10 agosto, così in quella notte alla vista di una stella cadente si esprime un desiderio che sarà esaudito (magari!).
La freccia s’accese volando tra le liquide nubi,
arse e tracciò una scia di fiamma, si consumò e sparì tra i volubili venti.
Così le stelle
 cadenti spesso si staccano dal cielo.
e trascinano correndo nel cielo una chioma lucente.
Virgilio


Se poi non le riuscite a vedere, guardatele qua...