Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

giovedì 27 agosto 2015

Non mi ricordo....mi ricordo...

.....Non mi ricordo la prima volta che ho detto "mamma",
non mi ricordo il cielo stellato della mia infanzia,
non mi ricordo la prima neve e ciò che ho provato nel vederla cadere,
non mi ricordo il primo bagno nel mare e la sabbia sotto i piedi nudi,
non mi ricordo i primi fiori che ho raccolto e il profumo che avevano,
non mi ricordo il primo sentimento del mio cuore.
 Non mi ricordo...

ma mi ricordo la prima volta che sono stata chiamata "mamma",
mi ricordo l'alba e il tramonto in cui sono nate due vite,
mi ricordo quando guardavo le stelle attraverso i vostri occhi sgranati,
mi ricordo cosa avete provato davanti alla vostra prima neve che scivolava sui vostri visi,
mi ricordo il vostro incontro col mare, il sapore della vostra pelle e l'odore dei vostri capelli e la sabbia nei vestiti,
mi ricordo il profumo dell'erba tagliata e la vostra rincorsa alle lucciole,
mi ricordo il battito del piccolo cuore ancora dentro di me,
mi ricordo lo spavento dell'ineguatezza davanti alle vostre piccole vite,
mi ricordo il desiderio di protezione che mi riempiva e mi riempie il cuore mentre vi stringevo,
mi ricordo il profumo di bimbo e latte che emanavano i vostri capelli,
mi ricordo i primi passi, il dolore del distacco e la gioia dell'indipendenza,
mi ricordo la mia disperazione al vostro primo dolore e a tutti gli altri,
mi ricordo i sorrisi, gli abbracci, le parole, i canti, le cadute e le lacrime, i traguardi superati, le gioie e i dolori, la pace e la tempesta, il sole negli occhi e le nuvole,

Mi ricordo....

by Adriana

3 commenti:

  1. Ciao Adriana, stupendi versi... mi sono venute le lacrime agli occhi e i brividi sulla pelle, grazie e se non ti dispiace me la salvo, così ogni tanto vado a rileggerla. Un abbraccio che tu possa ricordarti anche di me.

    RispondiElimina
  2. Versi delicati e forti allo stesso tempo, complimenti!

    Bentornata, Adry.

    RispondiElimina
  3. Ciao Adry,
    questa elegia della memoria materna in forma poetica è veramente toccante, fa rivivere le sensazioni che descrivi, con grande tenerezza.
    Mi fa piacere comunicarti che ho aperto un nuovo blog
    "i giorni di Santippe" raggiungibile anche da ""Parole di contorno " e da "Lo schiaccianoci" così, per fare qualcosa di nuovo alle prime piogge, che io amo.
    Ti aspetto, un caro saluto
    :) Marilena


    RispondiElimina

coccole