Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

lunedì 13 ottobre 2014

Lettera ad un fratello che se n'è andato...

Ciao Remo, com'è strano che una manciata di ore faccia la differenza tra l'esserci e non esserci più e tu non ci sei più.
Te ne sei andato così semplicemente come hai vissuto (NON SENZA SOFFRIRE PURTROPPO), te ne sei andato senza che potessi dirti "ti voglio bene" e anche questo l'ho detto troppo poco!
Perchè quando c'è tempo lo si lascia passare senza fare le cose di cui poi ci si pente?
Abbiamo vissuto un rapporto di un'altra generazione, fatto di poca confidenza e di quel pudore che limita l'esternarsi dei sentimenti, la vita non ci ha lesinato problemi, ma li abbiamo superati anche aiutandoci anche se silenziosamente.
Eri un uomo taciturno, di poche parole, ma di grande affetto e amore, ora tanti ti piangono, tutti a ricordare quello che fu, quello che facesti, quello che eri...
Anch'io ho tanti ricordi nel cuore , ho l'affetto che non ho lasciato trapelare, ho le ore che non ti ho dedicato per il timore del dolore, della malattia, del vederti consumare.
La tua vita era piena d'amore , dei tuoi cari, dei nipoti, degli amici, delle tante cose che facevi, dei quadri che dipingevi e anche delle torte squisite che creavi, tutto sempre con semplicità e mitezza, eri una splendida persona!
Voglio ricordarti di quando giovane uscivi con gli amici in moto e io ero troppo giovane e ti invidiavo, di quando tornasti a casa dopo un piccolo incidente con la camicia strappata pregandomi di cucirla in modo che mamma non se ne accorgesse o di quando mi chiedesti di ricamarti i jeans e il gilet (avevo ricamato un drago sui pantaloni e il segno della pace sul gilet) e poi tu li portavi nei raduni e io era molto orgogliosa che "il fratello grande usasse quegli indumenti",voglio ricordarti quando non potesti venire al matrimonio perchè c'era un funerale famigliare e ascoltasti la registrazione e poi voglio ricordarti quando facevamo le ferie insieme con le famiglie, i pranzi e le cene, ma non voglio ricordare il calvario che hai dovuto passare.
Fratello ti voglio bene!

9 commenti:

  1. Cara Adriana, lo sai che mi hai commosso veramente, le frase che hai usato tanto profonde che dice tutto!!!
    Quanto amore ci sono nelle chiare parole, mi piace che hai specificato che i ricordi belli ti saranno sempre vicono
    e non lo dimenticherai mai!!!
    Caio e buon pomeriggio cara amica, con un forte e sentito abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Capisco il tuo dolore, ci sono passato. Adesso ci vuole il pudore del silenzio, tutte le parole sono solo superflue!
    Ti sono vicino col cuore, un abbraccio.
    Xavier

    RispondiElimina
  3. Cara Adriana,
    ci fai conoscere tuo fratello nel momento del distacco e del grande dolore con parole che evocano le piccole cose quotidiane che sembrano non dover mai finire, alcune sembrano perfino banali. finchè la vita non dice stop, nel modo e nel momento che decide lei.
    In un post di poco tempo fa accennavi al male e al dolore, mi parve di intuire qualcosa e non capii a cosa ti riferivi.
    Oggi capisco e, da lontano, da sconosciuta, ti abbraccio forte
    Marilena

    RispondiElimina
  4. Ciao Adriana, le tue parole mi hanno commossa davvero molto, per fortuna non so cosa voglia dire perdere un parente molto stretto, ma vari parenti e amici si.. so che non è la stessa cosa ma capisco il dolore di perdere una persona a noi cara. Nel 2013 l'ho provato diverse volte. Purtroppo non siamo mai preparati abbastanza all'idea della morte.
    Non voglio dilungarmi troppo, perché in certe situazioni troppe parole annoiano. Ti mando un forte abbraccio. Pollysilvia

    RispondiElimina
  5. Cara Adriana, non ci sono parole.... capisco il tuo grande dolore, ci sono passata, ti abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  6. Un fratello, una sorella sono parte di noi, e talvolta ce ne dimentichiamo se non quando è troppo tardi...
    Con poche parole, cara Adriana, hai descritto molto bene i sentimenti che ti legavano a tuo fratello, che ora ha oltrepassato quella porta dalla quale non si torna indietro, ma che anche di là continuerà a volerti bene come tu ne vuoi a lui.
    Un affettuoso abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Ciao Adry,
    non sapevo di questo grave lutto e, sebbene con un po' di ritardo, ti faccio le mie più sincere condoglianze.
    Voglio aggiungere che, nonostante tratti di un evento drammatico, il tuo brano risulta spontaneo e misurato.
    Con amicizia.

    RispondiElimina
  8. Ciao,ho letto tutto d' un fiato ...e bellissima nella semplicità che hai dato a un ricordo.

    RispondiElimina

coccole