Il mio viso

riflesso nello specchio
è il passato

Informazioni personali

giovedì 9 giugno 2011

Fabrizio De Andrè - Fila la lana

questa è una canzone per le knitters........
De Andrè è sempre stato il mio cantante preferito fin dal tempo delle prime canzoni.
Avevo fatto persino un percorso "romantico" a Genova, andando a vedere e percorrendo Via del Campo che sbocca in Porta della Vacca (si chiama proprio così!) ed immergendomi in quelle atmosfere che più che altro avevano odori neppur buoni , ma per me era poesia, lui scriveva poesia, cantava poesia.
Ho trasmesso questa passione per quelle canzoni a mia figlia, a quattro anni (voleva già fare la ballerina classica) ballava sulla Buona novella (il suo disco preferito, infatti ne ho due originali perchè il primo mettendolo lei sul giradischi - già si chiamava così allora - altro che i-pad- lo ha rigato irremidiabilmente) e a cinque ha conosciuto il suo idolo all'Isola Rossa in Sardegna e lei diceva - che bello che è- non era vero e oltretutto quella volta era anche un po' ubriaco .
Che bei ricordi però..

1 commento:

  1. De Andrè, che mito. Quando ero andata a vederlo, secoli fa, mi ero messa cos' sotto al palco che quasi entravo in una cassa acustica. Il giorno dopo mi rimbombavano ancora i timpani. Due o tre anni fa a genova sono andata a vedere una mostra che hanno fatto su di lui. Era molto interattiva, con filmati, effetti particolari...Per me il tempo si è fermato ...non sarei più uscita.

    RispondiElimina

coccole