Il mio viso

riflesso nello specchio
è il passato

Informazioni personali

giovedì 20 marzo 2014

Equinozio di primavera

Oggi alle ore 17,45 inizia la Primavera.
Tante sono le tradizioni per festeggiare la rinascita, il risvegliarsi della bella stagione, lo sbocciare dei fiori, l'erba fresca che nasce dalla terra provata dai climi invernali...


La più antica festa di primavera del mondo è Sham El Nessim, risalente a circa 4700 anni fa, che letteralmente significa “fiutare il vento”. Ai tempi dei Faraoni, si chiamava semplicemente “Shamo”, che significa “rinnovo della vita” e secondo gli antichi Egizi quella data rappresentava l’inizio della creazione. In epoca copta, il termine fu modificato in “Shamm” (olfatto e respirazione), con l’aggiunta della parola “nessim” (brezza). Ancora oggi, nel giorno di Sham El Nessim, che si festeggia in Egitto il primo lunedì dopo la Pasqua copta, gli Egiziani fanno picnic all’aria aperta per respirare la brezza primaverile, consumando pesce salato, simbolo di fertilità e benessere (il pesce veniva offerto agli Dei allo scopo di garantire un buon raccolto), semi di lupino, lattuga, uova e cipolle verdi. PRIMAVERALe uova, simbolo universale della rinascita e del Cosmo, erano anticamente ricollegate al mitico uccello Fenice che, secondo la leggenda, prima di morire, preparava un nido a forma d’uovo, su cui si adagiava, lasciandosi incenerire dai raggi del sole. Sulle ceneri nasceva l’uovo dal quale l’Uccello di Fuoco riprendeva vita.

 

Ovidio racconta:
 « ... si ciba non di frutta o di fiori, ma di incenso e resine odorose. Dopo aver vissuto 500 anni, con le fronde di una quercia si costruisce un nido sulla sommità di una palma, ci ammonticchia cannella, spigonardo e mirra, e ci s'abbandona sopra, morendo, esalando il suo ultimo respiro fra gli aromi. Dal corpo del genitore esce una giovane Fenice, destinata a vivere tanto a lungo quanto il suo predecessore. Una volta cresciuta e divenuta abbastanza forte, solleva dall'albero il nido (la sua propria culla, ed il sepolcro del genitore), e lo porta alla città di Heliopolis in Egitto, dove lo deposita nel tempio del Sole. »

 Gli egizi le dedicano ben quattro fra le più importanti piramidi, da quella di Cheope, a Giza, “dove il sole sorge e tramonta”, alle altre ad Abusir: quelle di Sahure, “splendente come lo spirito-Fenice”; di Neferikare, “dello spirito Fenice” e di Reneferef, “divina come lo spirito Fenice“.


Dante Alighieri così descrive la Fenice:
 « che la fenice more e poi rinasce,
quando al cinquecentesimo appressa
erba né biada in sua vita non pasce,
ma sol d'incenso lacrima e d'amomo,
e nardo e mirra son l'ultime fasce. »
 (Inferno XXIV, 107-111)

7 commenti:

  1. Buon inizio di primavera Adriana, questo equinozio fa uscire un sacco di disturbi.... spero che siano momentanei.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a quanto dicono cambierà presto, ci ha dato già troppo tepore....

      Elimina
  2. Cara Adriana, tutto questo è molto interessante, siè sempre saputo nel passato che dal calendario era il 21 marzo il primo giorno da primavera, oggi con le scienze moderne possono scoprire delle cose che un tempo erano impossibili!!!
    Benvenuta dunque se anche è un giorno in anticipo.
    Buona giornata con un abbraccio e un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tutto cambia ...anche le vecchie date...buona primavera anche a te

      Elimina
  3. per te haiku

    dolce animo
    in virtù prosaica
    rispecchi l'Io

    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, bello l'haiku (non riesco ad iscrivermi tra i tuoi lettori, ma comunque ci sono...)

      Elimina

coccole