Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

martedì 3 settembre 2013

Cabbage Patch Kid

non è una parolaccia.... sono delle bambole che andavano per la maggiore negli anni '80 e di cui possiedo in eredità ben 4 esemplari.

Ma andiamo per ordine... le chiamavano le bambole del cavolo (per capire il perchè basta guardare il logo!).
Era il 1978 quando Xavier Roberts creò la prima bambola della serie. Inizialmente le Cabbage Patch furono vendute solo in piccoli negozietti di Cleveland (in Georgia).  
Nel 1982 avvenne il lancio su scala nazionale e internazionale e divennero una mania collettiva. Dopo il fallimento della Coleco, che le produceva, sono rimaste in produzione, ma sono diventate oggetto per collezionisti.
Cosa avevano di particolare queste bambole? Avevano la testa rotonda di plastica dura e il corpo di stoffa, portavano tutte il pannolino, ma cosa particolare era il fatto che ogni pezzo immesso nel mercato era un pezzo unico e irripetibile con tanto di certificato di nascita e nome.
Erano il regalo di Natale più ricercato e nei negozi si facevano le code per averle.
Nel 1989 la Coleco fallì e le bambole vennero prodotte da altre ditte come la Mattel che fecero delle varianti, bambole interamente di plastica e modelli piccoli (di cui ho altri 4 esemplari).
Alla fine del 1990 furono venduti 65 milioni di bambole.
Furono la mascotte dei Giochi Olimpici del 1992.


Quelle che possiedo io sono :un baby, due con i capelli rossi lunghi e un maschietto semi-pelato(a diversità di questo sotto ha un ciuffo di capelli), sono state rigorosamente acquistate a Londra  al negozio di Toys che si chiamava Harlekin,( mi dispiace non poter postare le foto, ma ho problemi al pc per lo scarico delle foto)



  



ops...parte posteriore dove vi è l'autografo dell'inventore sulla "chiappetta sinistra" !




Quelle piccole invece erano così






10 commenti:

  1. CHE MERAVIGLIA!!!! Come avrai visto Adriana, anche io adoro le bambole...e mi manca la Cabbage, (purtroppo) ma ho Camilla. La ricordi??? Bellissimo post. Lo adoro! ;).
    GRAZIE!!! NI

    RispondiElimina
  2. Anch'io ho Camilla (in eredità da mia figlia)

    RispondiElimina
  3. Ciao Adry, queste mi mancano, le mie figlie sono del 1987 e del 1990 e forse sono rimaste fuori, ma ricordo le code al mattino fuori dai negozi di giocattoli per Natale per trovare qualche bambola introvabile ma tanto desiderata. Ogni anno era così e per me la letterina a Gesù bambino era un incubo, perché desideravano sempre giocattoli già esauriti da tutti i negozi, o già pubblicizzati ma non ancora in commercio. Buona giornata Brunella

    RispondiElimina
  4. Erano bellissime ma non sono mai riuscita ad averne una ....ho avuto le versioni dei bombolotti col corpo di stoffa ...
    il primo fu Andrea poi Cicciobello ...l'ultimo ce l'ho ancora ... per me è un tesoro da custodire ....buona giornata giusi_g

    RispondiElimina
  5. Adriana carissima! Ma sono molto belle! sai che non avevo mai sentito di queste bambole.
    Ma se ci penso avevo altro da pensare in quel tempo.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Dovrò chiedere a mia sorella...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Ciao
    ma che belle. Io non ho mai avuto queste bambole. Mi ricordo di Cicciobello e di un bambolotto Furga.....a dire il vero io alle bambole preferivo gli animali di peluche.

    RispondiElimina
  8. Ne ho comprata una, con tanto di autografo sulla chiappetta, in un mercatino.
    Mi piace moltissimo!!

    RispondiElimina
  9. ciao Adry, me le ricordo queste bambole carinissime, fortunata ad averne cosi' tante, sono molto simpatiche complimenti, ciao grazie baci rosa a presto, buona serata.)

    RispondiElimina
  10. Sarà perché non mi sono mai interessato alle bambole, ma non me le ricordo. Negli anni 80 avevo già sui 40 anni. Dovresti leggere la risposta che ti ho dato da me. Buon fine settimana.

    RispondiElimina

coccole