Il mio viso

riflesso nello specchio
è il passato

Informazioni personali

lunedì 22 settembre 2014

Chi è...?

  mi è venuta tra le mani questa fotografia ( che ho postato sul blog, ma che da tanto non guardavo), un ricordo che è impresso nella mia mente, una gita a Genova , un periodo di contestazioni , la prima minigonna (si può chiamare così? a confronto di quelle di adesso era oltremodo castigata, ma per l'epoca........preistorica ).
Quello però che mi ricordo di più sono le scarpe (ora direi orrende, ma allora....), quanto ho risparmiato per poterle comprare  e non era facile perchè soldini tra le mani...pochi (i miei si erano rifiutati di comprarmele, non erano da signorina...in effetti!) ma io le volevo....le ho desiderate tanto, sono passata per mesi davanti al negozio guardandole con...bramosia e...le ho avute : di cuoio marrone , dure , mi facevano un male ai piedi terribile, ma stoicamente le ho portate fino a consumarle.
Evviva la gioventù (però ho imparato a non contestare mai sulle scarpe che si sono scelti i miei figli.......esperienza??)

Però ero carina no???? Certo che si!!!!

8 commenti:

  1. Cara Adriana, ricordo di averla vista ancora, lo sai che se ritornassi giovane ti farei la corte:-)
    Sei veramente carina, con quel nobile sorriso che fa girar la testa:-)
    Ciao e buon pomeriggio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah grazie...che bel complimento mi hai fatto.....

      Elimina
  2. Ciao Adriana.
    Ho portato anch'io le minigonne. Erano castigate, ma avevo imparato ad accorciarle da sola!!!
    E poi i giubbotti e quei mocassini! I miei erano marroni ed anche i miei, durissimi. Altri tempi. Ci sentivamo già contestatrici confronto alle nostre mamme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche i miei erano marroni e ...che male, "minigonne" ne avevo due, questa che indosso di velluto a coste nero e una scozzese...è tutto dire |

      Elimina
  3. Ciao Adriana,
    quella foto dell'intestazione del tuo blog mi ha sempre colpito, mi chidevo se eri tu .
    E' anche un fatto di identificazione generazionale. L'anticonformismo dell'abbigliamento, con qualche pretesa esistenziale, ci ha caratterizzato in molte , in quei lontani anni...ma non mi pento!
    Sarei lieta se tu contraccambiassi l'iscrizione al mio Schiaccianoci, o almeno qualche visita.
    Scusa per la confidenza e grazie :-)
    Fata C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita, non ti conoscevo, ma mi sono iscritta tra i tuoi lettori...l'anticonformismo nell'abbigliamento per me è stata una cosa che mi ha seguito ...negli anni! Ciao

      Elimina
  4. Ciao Adriana, e chi dice che non lo sei ancora oggi? Intendo "carina", naturalmente. Sinceramente però la tua gonna non era proprio "mini", la Quant le faceva molto più corte e non ti dico la gioia do noi ragazzini, ma qui potrei aggiungere una riga a tutte le cose che hai elencato nel post precedente. A proposito: grazie per avermi fatto rivedere la "linea", che amavo molto guardare a suo tempo, anche sotto forma di Carosello. Un amichevole abbraccio e buon WE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS - Secondo me nella foto hai un che di Rita Pavone ed è un complimento.

      Elimina

coccole...