Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

lunedì 12 maggio 2014

Vento...



Vento...
ha svestito i soffioni
e ha strappato brandelli di rosso
ai papaveri.

Vento...
ha ucciso 
le tenere foglie appena spuntate
e ha divelto i rami giovani
ammucchiandoli a terra
dove piedi ignoti li calpestano.

Vento...
le piccole corolle
sono stese a terra per ripararsi tra gli steli d'erba
e i minuscoli animaletti
si sono rifugiati nelle tane profonde.

Vento...
ha stracciato 
le nuvole come resti di bambagia
e ha scoperto un cielo di un azzurro inspiegabile.

Vento...
ha sollevato 
la terra facendola vorticare
creando un sipario marrone.

 

Vento...in città
ha strappato tende 
come brandelli di pelle 
attaccati qua e là.

Vento...
ha rubato cappelli e fazzoletti
ingentilendo con essi le siepi secche e gialle.

Vento...
che fa volare per le strade
cartacce, borse e sacchetti.

Vento...
che alza la polvere
facendo vorticare le foglie morte
e i resti della città morta.

Vento...
questo ho visto oggi!  

14 commenti:

  1. Molto intenso Adriana questo tuo sonetto...
    Purtroppo quando il vento è fortissimo, certo non è una benedizione...ma a me dà sempre la sensazione di scopare via tutte le brutture del mondo!!!
    ++++

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe bello se potesse cancellare e portare via le brutture del mondo...

      Elimina
  2. Il vento ha gonfiato le mie vele
    e io ho lasciato una scia di schiumetta bianca
    edero felice
    questo ho visto ieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il vento qui non avrebbe potuto gonfiare le vele, in compenso ha fatto parecchi danni, al mare forse è un'altra cosa, ma rimane il fatto molto positivo che eri felice e spero tu lo sia anche oggi e...sempre

      Elimina
  3. Normalmente gli occhiali li uso davanti al pc, per leggere la musica che eseguo...ma ieri li ho messi per strada, per proteggermi gli occhi dal vento indiavolato che sollevava di tutto e di più, come hai descritto benissimo nei tuoi versi.

    Faccio un passo indietro, per commentare il compli - blog.
    Sono già alcuni anni che ti conosco, e alcuni aspetti della tua vita mi sono già noti.
    Credo che ricordare il passato sia salutare, riconoscere il bene fatto e il male ricevuto aiutano, fortificano e danno nuovamente "la carica".
    Ciao, buon martedì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie , il passato a volte torna prepotente sia a fare bene che male....

      Elimina
  4. Non so, io nel vento ho sempre visto qualcosa di positivo, odori e profumo di terre lontane, ricordi di persone, storie sussurrate, la vita che si rinnova... non ci vedo tutta questa distruzione.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace il vento....ma quello che ho visto era proprio distruttivo, un abbraccio

      Elimina
  5. E' stato un vento proprio fastidioso...

    Fantastici versi Adry.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, un vento così era tanto che non lo vedevo

      Elimina
  6. "Eppure il vento soffia ancora
    spruzza l'acqua alle navi sulla prora
    e sussurra canzoni tra le foglie
    bacia i fiori li bacia e non li coglie
    eppure sfiora le campagne
    accarezza sui fianchi le montagne
    e scompiglia le donne fra i capelli
    corre a gara in volo con gli uccelli
    Eppure il vento soffia ancora!!!"

    Ti regalo questi versi di un testo di Pierangelo Bertoli.
    Un abbraccio :)
    Xavier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimi, molto meglio dei miei...un grande abbraccio

      Elimina
  7. "perchè noi, cavalieri del vento, non moriremo anche nella tempesta"
    Ti piacciono questi versi di Ivan Graziani?
    Un abbraccio
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belli..."cavalieri del vento" quante immagini mi ricordano...

      Elimina

coccole