Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

mercoledì 8 febbraio 2012

Ricordi di viaggio - 2 parte

Vi ringrazio tutti di avere apprezzato "i miei ricordi" , siete gentili, in fondo non sono altro che miei ricordi di tempi passati, tutti vissuti in prima persona e che sono rimasti in fondo al mio cuore e alla mia penna.


....in Turchia....
Inebriata dai profumi di spezie, tra la polvere, quella ligua dal suono dolce, quei tramonti di velluto...altrimenti perchè la mia anima s'innalza leggera, il mio cuore batte con più forza, i miei sensi si risvegliano quando arrivo là...?
Istambul, la perla d'Oriente, è la mia seconda casa o forse è stata la prima...chissà.
Tra i suoi vicoli io sento...il profumo del mare, l'aroma forte del the, il sole mi sfiora, ma non mi brucia, la stanchezza non mi tocca. Io vivo...
Gli occhi neri e lucenti, pieni di dolore e di maturità, di saggezza e d'inganno, di dolcezza e di crudeltà, di luce e di buio, di caldo e di freddo, di passato atavico e di un avvenire ancora da scoprire...eppure avrà poco più di quattro anni, occhi bambini e nello stesso tempo occhi vecchi, smaliziati, stanchi e dissillusi.
E la mano si tende mentre l'altra ruba, non c'è differenza tra il chiedere e il prendere, non c'è una soglia da non sorpassare.
L'unica cosa che un bambino così non vuole è la pietà.
Si, è meglio nascondersi, fuggire dopo aver preso, che ottenere per pietà, è l'umiliazione del diserredato la pietà!
Fuggire...correre...salire...scivolare...volare...lassù verso il sole che sta diventando arancio e poi rosso sempre più scuro, per poi stingersi, perdersi nella notte.
Ma proprio nel magico momento del rimescolio di tinte, i suoi raggi sfiorano, anzi pennellano le enormi statue monumentali, i sassi, macigni caduti e la pietra perde consistenza, sembra ammorbidirsi nella luce colorata.
Arcobaleni si tingono su quei visi austeri, scintillano ferendo gli occhi, ma la meraviglia dura un attimo...l'arancione, il giallo, il rosso scivolano giù dalle pietre incalzati dall'azzurro, dal blu, dal nero e un attimo dopo...è la notte che inghiotte tutto e noi. rimaniamo lì, con gli occhi sgranati, quasi increduli che tutto sia così diverso...il nero, il nulla, la notte e mentre a poco a poco appaiono le stelle nel consistente velluto del cielo, torniamo sui nostri passi, ma nel nostro cuore è ancora  il tramonto, è ancora colore.
Colore, calore, frescura, azzurra, cristallina, trasparente : il mare, il mare di Kas, il mare con i suoi resti di città, di vita passata appena sotto il pelo dell'acqua.
Sono là, a portata di mano pare, anche se la distanza èingannevole e mentre guardo scorrere sotto di me porte, finestre, gradini, mura, una città che pare popolata da abitanti sottomarini che vorrebbero raccontare la loro storia...una storia lontana, una storia inimmagginabile...una storia che non esiste più eche non sapremo mai com'era esistita.
E mentre la barca continua a saltare da un'onda all'altra, ecco spandersi per l'aria le note di una musica araba, di un ballo che alcune ragazze stanno danzando sul ponte della barca nonostante il beccheggio, i piedi nudi cadenzano sul legno e i battiti delle mani segnano il ritmo che......

5 commenti:

  1. Hai trascorso proprio una bella vacanza! Mi hai proprio trasmesso voglia di viaggiare!
    Bellissimo post!
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
  2. Che bello cara Adriana leggere racconti di un viaggio che fa veramente venire voglia di partire e seguire le tue tracce,
    grazie di avere condiviso con noi questo bel racconto.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. I ricordi fanno parte integrante della nostra vita, belli o brutti che siano...
    Questo tuo è bello, positivo!
    Ciao, buona giornata.

    RispondiElimina
  4. Mentre leggo i tuoi ricordi, affiorano nella mente anche i miei ricordi ormai lontani nel tempo: Buona giornata

    RispondiElimina
  5. grazie a tutti dei vostri commenti, effettivamente i ricordi rimangono lì in un angolino , sta sempre a noi andare a ripescarli e non tutti sono belli, ma la nostra mente tende di piùa ricordare quelli meno belli.

    RispondiElimina

coccole