Il mio viso

riflesso nello specchio
è il passato

Informazioni personali

domenica 3 novembre 2013

Museo di anatomia umana "Luigi Rolando"











Il Museo di anatomia di Torino, nato nel 1739, fu trasferito nel 1898 nel Palazzo degli studi anatomici, dov'è ancora adesso  e da allora è rimasto quasi immutato.
Qui il tempo pare essersi fermato e se ci guardiamo intorno con un po' di fantasia possiamo vedere le signore abbigliate come d'epoca aggirarsi tra vetrine.
Anche l'allestimento ha è stato mantenuto come allora, anche se le vetrine sono affollate e prive d'illuminazione interna.
Solo due supporti visivi , mentre poche schede esplicative spiegano la collezione.
Il più importante direttore dell'epoca , Carlo Giacomini che diede grande impulso all'organizzazione del Museo, morì nel 1898 e  il suo scheletro fu "esposto nel museo insieme ad altri" per sua volontà testamentaria. Ai piedi dello scheletro è esposto il suo cervello preparato con la tecnica messa a punto da lui stesso.


Nel testamento dispone più o meno così : "non piacendomi ne essere bruciato, ne essere interrato dispongo che il mio scheletro rimanga in questo museo dove ho passato quasi tutta la mia vita e che il mio cervello sia conservato come altri che ho preparato.."
I pezzi forti, se così si può dire, a mio parere sono : "l'uomo di Auzoux"


- Nel 1830, a Parigi Louis Jerome Auzoux iniziò a realizzare modelli anatomici smontabili in cartapesta. Per più di un secolo costituirono uno strumento didattico molto efficace per il studenti.
Quello qui presente è scomponibile in 129 pezzi ed è il più antico pervenuto.



- Gli embrioni di Ziegler, 82 modelli in cera ingranditi, prodotti a fine Ottocento a Friburgo, sono i più antichi che raffigurano in modo affidabile lo sviluppo dell'embrione umano.



- Il primo cranio Etrusco oggetto di studio e pubblicazioni. Ritrovato nel 1841 a Veio.

Vi sono altre meraviglie da scoprire ed è un Museo che val ben una visita.


9 commenti:

  1. Cara Adriana, veramente un interessante post. Grazie sei sempre informata come un'inciclopedia.
    Ciao e buona settimana cara mica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono stata a visitarlo, non lo conoscevo e mi è proprio piaciuto.
      buona settimna anche a te.

      Elimina
  2. Ciao Adriana. Che bel servizio...e le raffigurazioni di Ziegler? La vita a "scatti in 3D"! Un abbraccio. NI

    RispondiElimina
  3. ciao Adry, bellissimo post grazie e complimenti, molto interessante e affascinante questo posto, oltre che istruttivo, ciao buona settimana baci rosa, a presto.)

    RispondiElimina
  4. Ma Torino è una città piena di sorprese, non ci sono solo il museo egizio e quello del cinema, che bello!
    Questo museo mi ricorda la Specola di Firenze, ci sei mai stata?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ci sono stata e devo dire la verità...mi sono dovuta informare perchè non lo conoscevo proprio.
      Dalle immagini che ho trovato ho visto una somiglianza, anche se deve essere più vasto di questo.
      Grazie dell'informazione

      Elimina
  5. Ciao Adriana, è un pezzo che non passo da te e quindi sono andato un po' indietro nei post. Quindi:
    - Diventi vecchia, potrebbe benissimo essere valido anche per gli uomini perché due settimana fa, nel tram, un giovane voleva cedermi il posto.
    - L'ora legale io la sistemo prima di andare a letto. Tanto cosa cambia se dormo?
    - Ottima la poesia.
    - D'accordo su Alloween.
    - Per i musei preferisco quelli dedicati all'arte, anche se quello da presentato sembra interessante e quindi da scoprire. So però sin d'ora che mia moglie non ci etrerebbe mai.
    Un amichevole abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita.
      Riguardo al post sul tram...ho scoperto che se sei seduta...nessuno mai ti chiederà il posto, qualcosa di positivo c'è ih ih
      Il Museo ti posso assicurare che piacerebbe anche a tua moglie perchè pare davvero di entrare in un'altra epoca.
      ciao

      Elimina

coccole...