Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

giovedì 28 novembre 2013

Tipi da autobus - versione invernale

Da qualche giorno sui bus di Torino è apparsa questa locandina





 ottima la sensibilazione, ma vorrei ricordare un episodio della mia purtroppo lontana giovinezza, frequentavo le superiori e passavo parecchio tempo sul bus, allora , come adesso , molto affollati e quindi facile terreno per i "palpeggiatori seriali". Un giorno e non l'unico, nella ressa dei passeggeri...successe, io avevo il borsone dei libri (non lo zaino) in una mano e con l'altra ero appesa al gancio(forse non si chiama così) di sostegno, che fare? Allungai una poderosa gomitata, ma il "signore" iniziò con le sue rimostranze e io mi ritrovai imbarazzata con gli occhi addosso di tutte le persone attorno e dovetti subire anche le risatine ironiche.
Questo semplicemente per dimostrare che nulla è cambiato e che non è facile poter , come dice il cartello "aiutaci ad aiutarti", come se non ho testimoni ?



Da poco ho notato che sui bus c'è questo cartello accompagnato  dalla scritta "può danneggiare le apparecchiature", a parte che non saprei quali apparecchiature, ma vi pare che qualcuno ci faccia caso o che qualcuno, a parte controllare il biglietto ,ne controlli l'uso  ?

Infatti proprio oggi notavo alcune cose ....
Un signore maleodorante forse perchè faceva il tecnico delle caldaie ? Come lo so? Praticamente usava il bus come il suo ufficio, chiamando o facendosi chiamare, prendendo appuntamenti  o spiegando eventuali problemi, appunto delle caldaie a voce alta  e prendendo appunti.

Un po' più in là una signora molto ben vestita, truccata e odorosa di profumo (non uno che conoscessi) discuteva a quale fermata avrebbe dovuto venire a prenderla...chi?, questo non si è saputo.

Il mio vicino di...sedile, un ragazzo giovane invece giocava con un giochino, che...avrei tanto voluto chiedergli cosa fosse e giocarci un po' anch'io?

Alla porta invece stazionava un extra comunitario ( ce n'è almeno uno oni corsa, quando non di più) che, nonostante il pulman fosse piuttosto vuoto, saliva e scendeva ad ogni fermata, questo naturalmente per ovviare al fatto di non avere il biglietto.

Tutto questo in una sola corsa di pulman....ma ho lasciato alla fine la cosa che più mi ha , si fa per dire, divertito, se non fosse che faceva un po' pena.

Un tizio è salito parlottando, si è seduto su un sedile a due posti lasciando libero quello verso la finestra, ha incominciato a parlare animatamente con...il sedile vuoto, la cosa è andata avanti per una decina di minuti (nessuno ha osato avvicinarsi e tanto meno sedersi) fino a che, con un gesto che era l'equivalente di un v.... si è alzato di scatto ed è sceso.

Dopo poco sono scesa anch'io, che strani incontri si fanno sul pulman.....

11 commenti:

  1. Cara Adriana, sai che le tue, chiamiamole avventure, mi fanno un po quasi divertire.
    Ma se parliamo seriamente sono problemi per chi usa i mezzi pubblici.
    Tante volto sono vuoti a certe ore ed è pericoloso viaggiare, tante volte invece ci si sente come il pesce in scatola...
    Così è la vita, e purtroppo non è facile cambiare.
    Buona notte cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti le avevo scritte un po' in chiave ironica, a volte mi divertono, a volte meno, ma per forza di cose li devo usare perchè l'auto non sempre l'ho a disposizione.
      Ciao Tomaso

      Elimina
  2. Un consiglio: a me è successo al mercato e senza farmi troppi problemi mi sono messa a gridare "che cazzo stai facendo, toccami ancora e chiamo la polizia, brutto porco schifoso!".
    Si sono voltati tutti, mia madre compresa che poi si è incazzata col maiale di turno e questo se n'è andato.
    Se succede ancora dillo a voce alta, non a ere paura e non aspettare di essere scesa dal bus.
    Cavolo, mica dobbiamo vergognarci noi donne se veniamo molestate!
    Bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'epoca ero giovane , come te, adesso non mi succede certo più.....
      Certamente ora reagirei in maniera diversa.
      ciao

      Elimina
  3. In effetti sui pullman può accadere di tutto...la sera poi non ne parliamo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sera io non lo uso, se posso uso la macchina, ma anche di giorno si vede un po' di tutto.

      Elimina
  4. Ma che squallore, a queste persone dovrebbero mozzare le mani. A volte mi vergogno di far parte della categoria dei maschi!
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però in fondo mi piace osservare la varia umanità che si incontra...infatti era un post un po' ironico!

      Elimina
  5. Anche se non sono più un pendolare, i mezzi pubblici li utilizzo ancora molto spesso e dio situazioni simili a quelle che hai descritto ho l'occasione di vederle e sentirle .
    Forse - e lo sottolineo - i palpeggiatori sono stati sostituiti dai borseggiatori, che approfittando della calca in certi orari si "destreggiano" a scapito dei passeggeri.
    Ciò che più mi innervosisce, comunque, è la scarsa - per non dire nulla - mancanza di rispetto : urla, imprecazioni, risate sguaiate...e potrei continuare!
    Ciao, un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Borseggiatori si, mi hanno alleggerito del portafoglio dalla borsa e quando sono andata a denunciarlo il carabiniere mi ha detto che potevo ance farne a meno....

      Elimina
  6. ciao Adry, nei mezzi pubblici affollati succedono queste cose, ma anche in altri post, a me e' capitato al ristorante in comitiva, uno ha cominciato a farmi il pedino, nonostante lo fulminassi con gli occhi continuava ahah, certo che ci mettono in imbarazzo, invece dovrebbe essere il contrario, divertenti le scenette specie l'ultima, del signore che parlava da solo, ciao grazie buona domenica rosa.)

    RispondiElimina

coccole