Il mio viso

riflesso nello specchio
è il passato

Informazioni personali

martedì 20 marzo 2012

Equinozio di primavera

Van Gogh (poco conosciuto)
quindi arriva la primavera....
La primavera sorrideva di Antonio Machado


...Un giorno
mi sorprese la primavera
che In tutti i campi intorno
sorrideva.
Verdi foglie in germoglio
gialle rigonfie gemme delle fronde,
fiori gialli, bianchi e rossi davano
varietà di toni al paesaggio.
E il sole
sulle fronde tenere
era una pioggia
di raggi d'oro;
nel sonoro scorrere
del fiume ampio
si specchiavano
argentei e sottili i pioppi.


sempre Vincent


Barchette di carta di Tagore
 Giorno per giorno
io varo le mie barchette di carta
nella corrente del ruscello.
A grosse lettere vi scrivo
il mio nome e quello del mio paese.
lo spero che qualcuno
le trovi e sappia dove sono.
lo carico le mie barchette
con i fiori del giardino,
perché siano portati alla spiaggia,
nella notte.
Quando la notte viene,
sogno le mie navi
che vanno veloci
sotto le stelle di mezzanotte.

Renoir   
  Angiolo Silvio Novaro -
Dialogo tra il fanciullo e l'albero fiorito -

Oh, la stranezza! Ieri,
nudo come una trave:
oggi, vestito a festa!
E spargi il tuo soave
chiaror per la foresta;

e nei venti leggieri
agiti il tuo vestito
lucente e ricamato.
o, chi te l'ha donato
o chi te l'ha cucito
cotesto bel vestito
lucente e ricamato
Parla l'albero fiorito
Era ottobre, ed io languivo
con in fondo al mio pensiero
una gran malinconia;
venne un vento cattivo,
mi scrollò, mi portò via
il vestito giornaliero;
e poi venne la nebbia trista,
fumò tacita, mi avvolse,
mi bendò adagio, mi tolse
il sole dalla vista;
e poi cadde la pioggia grossa,
battiture aspre mi diè,
mi penetrò nell'ossa,
m'immollò da capo a piè;
e poi cadde la bianca neve;
fredda cadde, alta così;
tutto mi cadde addosso,
vivo mi seppellì
lo tremavo a più non posso:
« Muoio I» dicevo fra me:
ed invece sonno presi,
e dormii tanto che mai;
dormii sodo mesi e mesi,
e stamane mi svegliai;
mi svegliai ch'ero vestito
e il sol d'oro era sul prato:
ma chi me l'ha donato,
ma chi me l'ha cucito
cotesto bel vestito
lucente e ricamato,
non lo so, fanciullo mio,
lo sa Iddio.
Monet 

Kiso no jõ
yuki ya haenuku
haru no kusa
 
Tenacia di Kiso.
L’erba di primavera
perfora la neve.
 
Bashö
 
 
Gauguin

L'inverno è ormai passato

L’inverno è ormai passato,
l’epoca delle piogge se n’è andata.
I fiori sono apparsi sulla terra
Ed in questo momento è primavera.
E’ tempo di cantare.
La voce della tortora è nell’aria,
e il fico ha messo i primaticci teneri:
le viti in fiore mandano profumi.
(Da Il Cantico dei cantici)

Sisley 
FILASTROCCA DI PRIMAVERA di Gianni Rodari
Filastrocca di primavera
più lungo è il giorno, più dolce la sera.
Domani forse tra l'erbetta
spunterà la prima violetta.
Oh prima viola fresca e nuova
beato il primo che ti trova,
il tuo profumo gli dirà,
la primavera è giunta, è qua.
Gli altri signori non lo sanno
e ancora in inverno si crederanno:
magari persone di riguardo,
ma il loro calendario va in ritardo.

Dalì

7 commenti:

  1. Che bello ascoltare Alberto Rabagliati, era la voce che ci faceva compagnia tutte le mattine all'aradio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Evviva la primavera!!! In tutte le sue forme. :)

    RispondiElimina
  3. Diamo il benvenuto a questa primavera, che si fa sempre tanto desiderare!
    Questa stagione ha da sempre ispirato poeti, musicisti e artisti in generale, i versi che hai pubblicato ne sono una piccola testimonianza.
    Grande Rabagliati, voce evergreen! (per restare in tema...)

    RispondiElimina
  4. Spalanchiamo le porte alla primavera, ciao e un abbraccio

    RispondiElimina
  5. all'equinozio i merli cominciano a cantare e smettono a quello d'estate

    RispondiElimina

coccole