Il mio viso

riflesso nello specchio
è il passato

Informazioni personali

mercoledì 29 maggio 2013

diciotto anni




Il Sessantotto (o movimento del Sessantotto) è il fenomeno culturale avvenuto nel 1968 nel quale grandi movimenti di massa socialmente disomogenei (operai e studenti) e formati per aggregazione spesso spontanea, attraversarono quasi tutti i Paesi del mondo con la loro carica di contestazione e sembrarono far vacillare governi e sistemi politici in nome di una trasformazione radicale della società.
La presenza di giovani operai a fianco degli studenti fu la caratteristica anche del Sessantotto italiano, il più intenso e ampio tra tutti quelli dell'Europa occidentale assieme a quello francese. In Italia la contestazione fu il risultato di un malessere sociale profondo, accumulato negli anni precedenti, dovuto al fatto che il cosiddetto boom economico aveva giovato perlopiù alla borghesia e non era stato accompagnato da un adeguato aumento del livello sociale ed economico delle classi meno abbienti.
L'esplosione degli scioperi degli operai in fabbrica si saldò con il movimento degli studenti che contestavano i contenuti arretrati e parziali dell'istruzione e rivendicavano l'estensione del diritto allo studio anche ai giovani di condizione economica disagiata, i prodromi di quello che diverrà il sessantotto inizieranno a palesarsi nel 1966. La contestazione fu attuata con forme di protesta fino ad allora sconosciute: vennero occupate scuole e università e vennero organizzate manifestazioni che in molti casi portarono scontri con la polizia.


Questo era il periodo, il 68, contestazioni violente che formarono un'intera classe sociale, operai e studenti quasi uniti ottennero grandi risultati anche se con uno spreco di violenza che mise in crisi tutta la città di Torino.

Ma non voglio parlare di questo...quel periodo fu il mio affacciarmi alla vita, il rendermi conto che crescevo, la contestazione fu vissuta ..ai bordi del fenomeno, prima perchè frequentavo un'istituto scolastico privato e clericale che non permetteva alcunchè  e poi perchè non frequentavo e non avevo un'appartenenza politica.
Può sembrare anacronistico , ma per me fu un periodo pieno di sogni più che di contestazioni, anche se la frequenza scolastica, che in fondo non mi dispiaceva, mi portò ad una rottura con la religione e per conseguenza con una maggior problematica famigliare (la libertà di seguire il mio pensiero e di affermare ciò in cui non credevo più).
Nonostante ciò scrivevo poesie, con qualche bella soddisfazione : pubblicazione su vari giornalini (niente di grandioso, ma per me era molto) , lettura nel contesto di feste scolastiche e soprattutto soddisfazione mia personale.
Mi sentivo grande, mi sentivo pronta alla vita, pronta per scegliere la mia strada, pronta a realizzare i miei desideri, ma il futuro non mi aiutò a realizzarli.

Ho scritto anche poesie contestatarie, ma voglio lasciare un ricordo...
Ricordo di nonno

Solo un anno fa
trascinavi
col tuo passo lento
e un po' strascinato
il tuo corpo
appesantito dagli anni.
La tua testa
era più bianca della neve,
il tuo viso
un capolavoro di piccole rughe.
Ma nei tuoi occhi azzurri
offuscati dalla rassegnazione
brillava ancora
un guizzo di giovinezza
quando guardavi noi.
Ora non sei più qui,
ora una lapide nera
ricopre il tuo corpo,
la tua voce
un po' tremula
non la sentiremo più.
La tua vita faticosa
è finita,
ma là nella cucina, 
la sedia nell'angolo
ci ricorderà sempre te.

Ps : la sedia che è stata usata negli ultimi tempi anche da mia madre è qui accanto a me.


14 commenti:

  1. Cara Adriana, grandioso questo post! Ricordi inediti che raccontano un passaggio di vita.
    Per finire poi in quei bellissimi versi!!!
    Grazie amica che li hai condivisi.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie della visita Tomaso, sono solo alcuni ricordi del tempo passato...

      Elimina
  2. Bellissimi versi!!
    Sei proprio brava.

    RispondiElimina
  3. Splendidi versi...veramente....toccanti,delle contestazioni studentesche del '68 io ho vissuto gli strascichi a fine anni 70 e inizio anni 80,con le miriadi di manifestazioni che si susseguivano per contestare non si sa bene chi o che cosa,paradossale che quegli studenti che andavano contro il sistema poi del sistema ne sono diventati(parecchi di loro)i tirafili.....
    Comunque il solito bellissimo post.
    PS
    Che bella ragazza!Complimenti!

    Ciao,buona serata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie dei complimenti, forse avrei dovuto davvero fare la scrittrice...

      Elimina
  4. Quella sedia è il preludio alla pop art che verrà più di mezzo secolo dopo
    immagina quest'uomo quanto era avanti con la sua arte.
    Anche in questa foto la gamba sinistra in avanti eh
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che osservatore, in effetti nelle foto metto sempre davanti la gamba, la destra però...ma non vorrà dire qualcosa? forse la fuga...

      Elimina
    2. non so se fuga,
      ma certo voglia di andare

      Elimina
  5. Almeno voi avevate degli ideali, oggi la stragrande maggioranza dei ragazzi della mia età ha come ideale l'ultimo modello di cellulare...
    un abbraccio e buon fine settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no dai, forse gli ideali hanno solo cambiato valenza...
      ciao

      Elimina
  6. Mi sa che siamo di leva... Complimenti per i sentiti versi dedicati al nonno! Non aggiungo altro per non interferire alcuni miei con i tuoi vivaci ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della visita e dei bei commenti che lasci...buona domenica

      Elimina
  7. Vengo anche qui perché mi interessa l'argomento. Del resto, da te, tutto è interessante. Anche questa poesia è buona, ma, per quanto riguarda il '68, io avevo 26 anni ed ero sulle barricate dei lavoratori. Ma cosa ci resta oggi, la finanza e la politica hanno ripreso il sopravvento. Un amichevole abbraccio.
    PS - Io divento nonno in agosto.

    RispondiElimina

coccole