Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

lunedì 13 maggio 2013

Il passato...

Oggi è un bella giornata, sole e cielo azzurro, ieri è stata una giornata piacevole , serena... ieri, già, ieri, ecco il passato (anche se recente) che spunta fuori.
La mia vita è fatta di passato,e la vostra?


Le persone che sono costantemente rivolte al passato, sono coloro che non sono più attenti a ciò che accade, nè hanno la forza psichica di pensare ad un futuro.

Sono bloccate in un lutto non metabolizzato per una perdita che hanno subito e che non hanno mai superato. Vivono in una depressione, e nella depressione si pensa solo al passato, il futuro non esiste più per costoro.

La cosa drammatica è che per uscire da una depressione è necessario identificare nuove opportunità future; ma poichè le opportunità vanno prima avvistate ed in seguito agguantate nel presente, chi guarda solo al passato, si accorge delle sue occasioni solamente quando è già tardi.

Ma sarà la depressione che fa pensare questo o è il desiderio di cambiare il futuro ?
In fondo io credo che se si avesse il potere di mutare il passatosi potrebbe dare una nuova via al futuro.
Noi siamo stati cambiati, siamo così come ora perchè le esperienze del passato ci hanno condizionato e trasformato.


Oh Grande Spirito,
concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare le cose che posso cambiare,
e la saggezza per capirne la differenza.



Io non riesco ad accettare le cose , non ho il coraggio di cambiarle e nemmeno la saggezza di capire la differenza.

6 commenti:

  1. io penso che non c'è futuro senza un passato.
    Se il passato mi piace perchè lo conosco già non deve impregionarci, è un evoluzione, un sapere crescere, ci sono tanti modi di crescere non solo di statura ma di attenzione di sensibilità di cultura e d'affetti

    RispondiElimina
  2. Ciao. Post profondo ed interessante.
    Lo so che non riesci ad accettare le cose ingiuste che hai subito, ma non le puoi cambiare: sono accadute ormai, non si cambiano, quindi bisognerebbe farsene una ragione.
    Fatto il punto, ci si dovrebbe chiedere se in fondo il presente ci piace un pochino oppure ci è insopportabile...
    Anni fa, dovevo prendere una decisione difficile.
    Ci ho riflettuto molto e mi sentivo come dentro un tunnel senza una luce in fondo: nessuna uscita.
    Allora ho radunato un coraggio che non credevo di avere e ho preso una decisione.So benissimo che predicare da fuori è facile, ma viverle le situazione è un altro paio di maniche.
    Non è vero che non sei saggia, e sei molto intelligente...
    Forse ti manca una motivazione tanto importante da smuoverti !
    Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  3. Puoi e devi pensare al presente e al futuro, devi solo volerlo...con coraggio e buona volontà.

    RispondiElimina
  4. Cara Adry, questo post è come se lo avessi scritto io.... Le ultime due righe poi....!!!
    Non riesco a cambiare e ho paura del futuro. Dobbiamo avere la forza di guardare avanti.... prima o poi questo sole dovrà pure rendere le nostre giornate migliori!!! Ti abbraccio forte
    a presto, Ale.

    RispondiElimina
  5. Il futuro è tutto da inventare e costruire e possiamo farlo solo accettando i nostri limiti. Un passo alla volta senza fretta potendo contare su amici davvero AMICI che saranno la nostra rete di protezione potremo cambiare.
    Spero di essermi spiegato :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Concordo in pieno con le tue considerazioni finali! Per altri aspetti, sono, invece, troppo - e forse superficialmente - ottimista di natura.

    RispondiElimina

coccole