Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

martedì 27 novembre 2012

....

visto che il precedente indovina-libro (bella nuova parola!) era davvero difficile, per questo vi offro dei suggerimenti : è un vecchio libro (la mia edizione è del 1946, la leggeva mio padre) che parla delle condizioni spaventose in cui erano ridotte le persone di colore, merce da vendere o da dare in pagamento.
Non è certo un libro che si legge ora, ma credo non sarebbe male conoscerlo.

"...ma Haley, se vi dico che Tom è una creatura eccezionale. Vi assicuro che vale quella somma. E' forte, onesto, abile e governa la mia fattoria in modo perfetto.
Onesto come lo può essere un negro - disse Haley.
...Se siete uomo di coscienza Haley, accettatelo in cambio del debito che ho con voi.
... Non avete in casa un ragazzino o una fanciulla da aggiungere a Tom?
- Per dire la verità...non saprei a chi rinunciare. E' la necessità che mi costringe a privarmi di qualcuno. Non mi piace vendere la mia gente...


Friedrich Wilhelm Nietzsche

 
questo è il libro " Così parlò Zarathustra"


Troppo complicato spiegare e parlare di un libro di filosofia, lascio un link dove poter informarsi.
Lascio solo un paio di frasi che forse sarà capitato di sentire :

Bisogna avere ancora un caos dentro di sé per partorire una stella danzante.

Vivi ogni giorno della tua vita come se fosse il primo, come se fosse l'ultimo.

E che? l'uomo è soltanto un errore di Dio? Oppure Dio è soltanto un errore dell'uomo?

Quanto più ci innalziamo, tanto più piccoli sembriamo a quelli che non possono volare.

Quanto manca alla vetta ? " ;" Tu sali e non pensarci!

Se esistessero gli dèi, come potrei sopportare di non essere dio!  

9 commenti:

  1. Forse!!!!"la capanna dello zio tom"????? non sono capace di documentarmi, con il pc sono una frana Paola Bucarelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse posso insegnarti...basta scrivere una frase, un verso di poesia e poi cliccare e magicamente...appare il testo e l'autore...magia del pc, comunque era esatto.
      Paola, ma tu non hai un blog?

      Elimina
  2. Cara Adriana, non è un mistero che non leggo tanti libri, ma se pensiamo alle schiavitù che hanno subito la gente di colore nella storia, come si fa a non pensare!!! alla capanna dello zio Tom.
    Nonostante che ci sia passato tanto tempo da alloro non sono finiti quei razzisti!!! Oggi abbiamo il presidente degli Stati Uniti di colore, speriamo che che tutti capiscano...
    Purtroppo il dubbio mi romana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma lo vedi che sei molto preparato invece, te lo sei ricordato il libro...bravissimo

      Elimina
  3. Decisamente la Capanna dello zio Tom....l'altro personaggio se non ricordo male era Shelby....o qualcosa di simile...i ricordi sono lontani:-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, vedo che quei libri "vecchi" hanno ancora una certa notorietà...

      Elimina
    2. Bravo, vedo che quei libri "vecchi" hanno ancora una certa notorietà...

      Elimina
  4. Ahiahi...non sono proprio quello che si definisce "topo di biblioteca".
    Mi piace fare ricerche a carattere storico, ma soprattutto mi sento a mio agio con davanti uno spartito musicale...sempre di lettura, si tratta!

    Ciao Adriana, a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'importante è leggere, non cosa leggere, mi ricordo mio nonnno che leggeva le pagine di giornale che all'epoca usavano per incartare la verdura, pensa un po'

      Elimina

coccole