Il mio viso

riflesso nello specchio
è il passato

Informazioni personali

lunedì 28 aprile 2014

una canzone nostalgica del ...1966



Salvatore Adamo     -   AMO

Amo il vento che ci stuzzica
quando gioca fra i tuoi capelli
quando tu ti fai ballerina
per seguirlo con passi graziosi.

Amo quando corri radiosa
per gettarti nelle mie braccia
quando ti fai piccola piccola
per sedere sulle mie ginocchia.

Amo il sole che tramonta
quando si sdraia lentamente
ma amo sperare credulo
che per noi si infuocherebbe.

Amo la tua mano che mi rassicura
quando mi perdo in fondo al buio
e la tua voce ha il mormorio
della sorgente della speranza.

Amo quando gli occhi tuoi di bruma
mi ammantano con la tua dolcezza
e come su di un cuscino di piume
la mia fronte si posa sul tuo cuore

E la sua canzone "dannata"...



Inch'allah



Ho visto l'oriente nel suo scrigno
con la luna per bandiera
ed intendevo in qualche verso
cantare al mondo il suo splendore

Ma quando ho visto Gerusalemme
piccolo fiore sulla roccia
ho sentito come un requiem
quando a parlargli mi inchinai

E mentre tu bianca chiesetta
sussurri pace sulla terra
si strappa il cielo come un velo
scoprendo un popolo che piange

La strada porta alla fontana
vorresti riempire il tuo secchio
meglio fermarti Mar?a Maddalena
oggi il tuo corpo non vale l'acqua
Inch'Allah Inch'Allah
se Dio vuole Inch'Allah

L'ulivo piange la sua ombra
sua dolce sposa dolce amica
che riposa sulle rovine
prigioniera in terra nemica

Sul filo spinato con amore
la farfalla ammira la rosa
la gente cos? scervellata
che la ripudia se mai posa

Dio del inferno Dio del cielo
tu che governi tutto il mondo
su questa terra d'Israele
ci sono bimbi che tremano
Inch'Allah Inch'Allah
se Dio vuole Inch'Allah

Le donne cadono sotto il tuono
domani il sangue sar? lavato
la strada e fatta di coraggio
una donna per una pietra

Ma s? ho visto Gerusalemme
piccolo fiore sulla roccia
e sento sempre come un requiem
quando a parlagli mi ritrovo

Requiem per sei milioni d'anime
che non hanno mausoleo di marmo
e che malgrado la sabbia infame
hanno fatto crescere sei milioni d'alberi
Inch'Allah Inch'Allah
se Dio vuole Inch'Allah

7 commenti:

  1. E La notte ce la siamo dimenticate?
    Grazie per queste due canzoni, le adoro e ringrazio sempre la mia mamma che me le ha fatte scoprire!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Canzoni lontane , ma sempre piacevoli nell'ascoltarle ..grazie Adry cara++++

    RispondiElimina
  3. che emozione!!!! la prima adolescenza su queste canzoni...grazie

    RispondiElimina
  4. Sono delle poesie... a volte vorrei poter udire ma non si può avere tutto, quindi va bene così :)
    Un abbraccio grande
    Xavier

    RispondiElimina
  5. Parole che divengono vento , e che volano così alte che nessuno potrà mai fermarle e tantomeno farle cadere.

    RispondiElimina
  6. Ciao Adriana un post nostalgico che risveglia in me tanti ricordi il primo di tutti
    il 66 l'anno del mio matrimonio,
    complimenti per la scelta delle belle canzoni.

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti delle vostre parole , mi fa piacere che questa "nostalgia" sia anche un po' vostra

    RispondiElimina

coccole