Sabbia bianca

lavoro del mare
nei secoli

Informazioni personali

giovedì 15 settembre 2011

Le nuove avventure di PINOCCHIO (1°ep.-parte 1°)

questo è un'altro libro che ho conosciuto a scuola, ma molto tempo dopo il libro Cuore e addirittura su questo ho dovuto fare uno studio pedagogico.
Penso che più o meno tutti conosceranno questa storia, ma come il cartone animato la propone e come le innumerevoli edulcorazioni prodotte dopo il 1940 (quando erano scaduti i diritti d'autore di Carlo Lorenzini, nome vero di Carlo Collodi, toscano ) infatti esso fu un classico della letteratura, poi diventò di quella dei ragazzi. Infatti nella prima scrittura il racconto finiva quando Pinocchio tornava e non trovando più la Fata Turchina si impiccava,  quindi pù che racconto per ragazzi poteva appartenere alla serie horror!!
Un po' più tardi il racconto continuò con il finale della trsformazione in bambino del burattini , ma lo stesso non era stato scritto per i ragazzi nonostante generazioni lo abbiano letto, con le sue avventure non certo piacevoli.

« C'era una volta...
- Un re! - diranno subito i miei piccoli lettori.
No ragazzi, avete sbagliato: c'era una volta un pezzo di legno.

proprio da vero "horror"
 statua alta 9 m. di Viù (TO)
 Statua di 16 m. a Collodi - Pescia al Parco
statua...orrenda a Tortolì - Sardegna









 

7 commenti:

  1. quello di Viu' e' veramente orrendo solamente un ubriaco poteva fare una cosa del genere...
    cinzia

    RispondiElimina
  2. Ciao, Adry.
    Mi è piaciuto tanto rivedere il film, non me ne ricordavo più.
    Grazie, amica.

    RispondiElimina
  3. Ti confesso che Pinocchio non mi è mai piaciuto tanto, perchè troppo tetro e didascalico. Da piccola sognavo con le fiabe nordiche, piene di castelli, principesse e fantasia.

    RispondiElimina
  4. Ciao Adry, anche io, come Dona, da piccola non mi sono mai appassionata alla favola di Pinocchio, ero forse una mambina controcorrente, amavo le bambole (soprattutto perchè mi divertivo a cucir loro i vestitini), ma non sopportavo i pupazzi, i cartoni animati e soprattutto odiavo i peluches, quindi con queste premesse Pinocchio non poteva attrarmi.
    Ero invece innamorata del libro Cuore, a 10 anni l'avevo già letto almeno tre volte.
    Baci
    Rosa

    RispondiElimina
  5. Ciao Adriana ai avuto una bella idea ogni tanto e bello tornare ragazzini. condivido la tua idea di come era impostato era più un horror che per ragazzini buona domenica
    Tiziano

    RispondiElimina
  6. Adry, finalmente grazie a te, ho scoperto come il grillo parlante è arrivato nella casa di Geppetto. Non se ne fa cenno nei due film sul "burattino per eccellenza" che ho visto a suo tempo. Quello di Walt Disney, girato addirittura nel 1940, e quello di Comencini con un magnifico Geppetto interpretato de Nino Manfredi. Anche il ragazzino non se la cavava male e mi sembra si chiamasse Andrea Balestri. Brava ed aspettiamo il seguito. Buonanotte.

    RispondiElimina
  7. Ma davvero a Tortolì c'è quell'orrore??

    RispondiElimina

coccole