Il mio viso

riflesso nello specchio
è il passato

Informazioni personali

martedì 18 ottobre 2011

una versione più lunga ..

Petìn e Petèe
A volte le filastrocche sono lunghissime e sembrano non finire mai, ricche di tormentoni, catene logiche di sequenze e ritornelli.


Petìn e petèe
i 'ndava a nosèe.
Petìn ghe ne cata un sachetìn
e Petèe tre nosèe.
Petìn ghe dise a Petèe:
"petèe 'ndèmo casa,
mi co 'l sachetìn
e ti co 'e tre nosèe?"
"Mi no eh!"
ghe dise a Petìn, Petèe.

"E loro ciàma el can!
Can, mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa ci 'e so tre nosèe!"
"Mi no eh che no mòrsego Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"

"E lora ciàmo el baston!
Bastòn, bastòn el can,
che no 'l mòrsega Petèe,
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"
"Mi no eh che no bastòno el can,
che no 'l mòrsega Petèe,
cheno 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe !"

"E lora ciàmo el fògo!
Fògo, brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l morsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"
"Mi no eh che no bruso el bastòn
che no 'l bastòna el can,
che no 'l morsega Petèe,
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"

"E lora ciàmo l'aqua!
Aqua, stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"
" Mi no eh che stùo el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l morsega Petèe,
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"


"E lora ciàmo el bò!
Bò, bevi l'aqua,
che no 'a stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"
"Mi no eh che no bevo l'aqua,
che no 'a stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"

"E lora ciàmo 'a corda!
Corda liga el bò,
che no 'l beve l'aqua,
che no 'a stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"
"Mi no eh che no ligo el bò,
che no 'l beve l'aqua,
che no 'a stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"

"E lora ciàmo el sorzo!
Sorzo, ròsega 'a corda,
che no 'a liga el bò,
che no 'l beve l'aqua,
che no 'a stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"
"Mi no che no rosègo 'a corda,
che no 'a liga el bò,
che no 'l beve l'aqua,
che no 'a stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"

"E lora ciàmo el gato!
Gato, magna el sorzo,
che no 'l ròsega 'a corda,
che no 'a liga el bò,
che no 'l beve l'aqua,
che no 'a stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
che no 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"
"Ma si eh che magno 'sto sorzo,
che no 'l ròsega 'a corda,
che no'a liga el bò,
che no 'l beve l'aqua,
che no 'a stùa el fògo,
che no 'l brusa el bastòn,
cheno 'l bastòna el can,
che no 'l mòrsega Petèe
che no 'l vòl vegnèr casa co 'e so tre nosèe!"

E cussì
el gato ciapa el sorzo,
che ròsega 'a corda,
che a liga el bò,
che 'l beve l'aqua,
che 'a stùa el fògo,
che 'l brusa el bastòn,
che bastòna el can,
che mòrsega Petèe,
che scampa casa co 'e so tre nosèe.




Non le assomiglia un po'?

Alla fiera dell'est

Angelo Branduardi
Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E venne il gatto, che si mangiò il topo, che al mercato mio padre comprò
E venne il gatto, che si mangiò il topo, che al mercato mio padre comprò
Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E venne il cane, che morse il gatto, che si mangiò il topo
che al mercato mio padre comprò.

Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E venne il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto,
che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò.

Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E venne il fuoco, che bruciò il bastone, che picchiò il cane,
che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò.

Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E venne l'acqua che spense il fuoco che bruciò il bastone che picchiò il cane
che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò.

Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E venne il toro, che bevve l'acqua, che spense il fuoco,
che bruciò il bastone, che picchiò il cane,
che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò.

Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E venne il macellaio, che uccise il toro, che bevve l'acqua,
che spense il fuoco, che bruciò il bastone, che picchiò il cane,
che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò.

Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E l'angelo della morte, sul macellaio, che uccise il toro, che bevve l'acqua,
che spense il fuoco, che bruciò il bastone, che picchiò il cane,
che morse il gatto, che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò.

Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò
E infine il Signore, sull'angelo della morte, sul macellaio,
che uccise il toro, che bevve l'acqua, che spense il fuoco,
che bruciò il bastone, che picchiò il cane, che morse il gatto,
che si mangiò il topo che al mercato mio padre comprò.

Alla fiera dell'est, per due soldi, un topolino mio padre comprò

4 commenti:

  1. Altrochè se le assomiglia! Chissà quante versioni leggermente differenti ci saranno in giro per l'Italia! D'altronde sono i pregi e difetti della tradizione orale, che Branduardi ama tanto recuperare nelle sue canzoni. :)

    RispondiElimina
  2. Ciao Adriana. C è qualche rima che assomiglia alla canzone di Branduardi,
    mi ricordo di petin e petèe ma la raccontava ancora mia mamma per farmi addormentare,grazie per la tua pubblicazione che ha risvegliato in me vecchi ricordi, buona serata

    Tiziano

    RispondiElimina
  3. Probabilmente Branduardi si è ispirato alla filastrocca in dialetto che è stata scritta sicuramente molto prima. Come dice Tiziano, può essere valida anche come ninna nanna. Mio fratello ed io venivamo però addormentati da mia madre con il dialetto veneziano o con arie di musica operistica da mia nonna e da mio padre. Ottimo post Adry.

    RispondiElimina
  4. @ Dona- infatti anche Fabrizio de Andrè (che io amo molto)ha una simile filastrocca che si intitola "Volta la carta".Ciao
    @ Tiziano - mi fa piacere risvegliare vecchi ricordi soprattutto se sono belli! ciao
    @Elio - fortunelli, il dialetto veneziano è molto più dolce a mio parere e poi con la musica operistica....(mio padre era un'amante di questa musica e ha tentato con poco successo a farla amare a me e mio fratello). Ciao

    RispondiElimina

coccole